Tenersi in forma anche a Natale

Piccoli trucchetti per godersi le feste senza appesantirsi

Il clima natalizio ha ormai permeato ogni cosa, e tra pochi giorni potremo finalmente concederci un po’ di meritato relax in compagnia dei nostri cari: non ci pensiamo neanche, al momento in cui – tornati dalle vacanze – dovremo di nuovo affrontare il tran tran di ogni giorno, inclusi i probabili chiletti in più che avremo messo tra pranzi, cene, e festicciole.
Ma per non doversene preoccupare esiste un modo: prestare un po’ di attenzione sin da ora, così da poterci concedere i dovuti sfizi senza per questo dover correre a grossi ripari in gennaio.

Iniziamo subito con la prima regola, forse l’unica vera regola di questa strategia: rilassiamoci! Le feste natalizie sono il peggior periodo per iniziare una dieta ferrea, e sono il periodo migliore per regalarsi qualche concessione se una dieta l’abbiamo già iniziata.
Uno dei più comuni tranelli tesi alla nostra rettitudine alimentare sono i buffet: distese di cibo, in piccole porzioni; questa combinazione ci porta a desiderare tutto e ad avere sempre l’impressione di non star mangiando poi così tanto. Cerchiamo innanzitutto a resistere alla tentazione di fare il bis di tutto, e poi – soprattutto – manteniamo un po’ di ordine, assaggiando un po’ di tutto e dandoci un limite finale con un dolcetto, dopo il quale cercheremo di non ricominciare il giro! “È la somma che fa il totale”, diceva Totò, perciò facciamo in modo che la somma delle piccole porzioni di un aperitivo o di un buffet non sia troppo più grande della quantità di cibo che ingeriremmo durante un normale pranzo o cena. Non si tratta di contare ossessivamente le tartine, ma di evitare di appesantirci: se vogliamo goderci le feste, non possiamo farlo in uno stato di perenne indigestione!

Un’altra pratica utile a restare relativamente leggeri durante questo periodo è bilanciare i pasti durante la giornata: cerchiamo di sfruttare i pasti in cui non siamo impegnati con amici o parenti per optare per un menu più “light”. Per intenderci: se a colazione mangiamo il pandoro con la crema, e a pranzo ci ha invitato la zia famosa per le sue ottime lasagne, a cena possiamo non infierire, scegliendo di mangiare qualcosa di leggero e chiudendo la giornata con una tisana digestiva. Sfruttando i “pasti liberi” per riprenderci dalle abbuffate, per una questione meramente aritmetica bilanceremo i “più” e i “meno” e limiteremo di molto il rischio di pesantezza tipico delle feste.
Un ultimo trucchetto, che unisce l’utile al dilettevole; non nascondiamocelo: l’attività fisica e la palestra non sono esattamente in cima alla nostra lista delle cose da fare durante le vacanze natalizie. Ma perché non approfittare dei giri di visite, feste, saluti, pranzi, cenoni per fare un po’ di attività fisica? Ogni volta che ci è possibile, copriamoci bene e spostiamoci a piedi: una passeggiata, magari in compagnia, non è poi così pesante, e il corpo ne trarrà senz’altro giovamento… prima e dopo i pasti!

Rilassiamoci, mangiamo quel che ci va, e non rinunciamo a nulla, soprattutto a quelle pietanze che si mangiano soltanto durante le feste: con qualche piccola attenzione verso noi stessi e qualche buona abitudine, potremo goderci tutto senza sentirci appesantiti, e gustando fino all’ultimo boccone!

Stella


ARTICOLI CORRELATI

FACEBOOK