Grace Kelly: novant’anni di stile

Il 12 novembre 2019 la principessa di Monaco avrebbe compiuto novant’anni

Alfred Hitchcock l’aveva definita “ghiaccio bollente”: Grace Patricia Kelly, nata a Filadelfia, non avrebbe potuto trovare per sé un’immagine più calzante. Dietro un aspetto glaciale, una bellezza praticamente priva di difetti, e una compostezza apparentemente inamovibile c’era in realtà un fuoco; il fuoco della passione che ha reso la vita di Grace Kelly una delle favole contemporanee più affascinanti del secolo.

Figlia di buona famiglia, Grace non ebbe vita facile quando decise di lavorare come indossatrice e poi attrice; ma la sua bellezza e il suo talento erano fin da subito qualcosa su cui non si poteva discutere. C’era poco da fare: Grace Kelly era nata per l’arte, per esprimersi attraverso le foto sulle riviste e i suoi ruoli al cinema. Hitchcock fu soltanto uno dei tanti registi che la amarono e la resero un’icona. Diretta da George Seaton, vinse l’Oscar nel 1955 come miglior attrice protagonista de La ragazza di campagna. L’ambita statuetta fu il miglior addio possibile a Hollywood: un anno dopo, infatti, la diva lascia la sua carriera, all’apice del successo, per sposare il suo grande amore, il principe Ranieri di Monaco.
Il primo “royal wedding” mediatico della storia, seguito da trenta milioni di spettatori televisivi (un numero incredibile, per l’epoca!), fu davvero il lieto fine e al contempo l’inizio di una favola: la bellissima attrice che al luccichìo del mondo dorato del cinema preferisce la vita – non meno luccicante, in effetti – al fianco del suo principe azzurro, sulla splendida scogliera monegasca. Quello tra Grace e Ranieri era un vero grande amore: per il giorno delle nozze, lui fece creare una fragranza apposta per lei, abbinata al profumo dei mughetti che componevano il bouquet. E lei… beh, lasciare Hollywood è una prova d’amore sufficiente!

Con il matrimonio, oltre a rivoluzionare completamente la propria vita, Grace apporta anche cambiamenti al suo look. Niente di troppo radicale: in fondo lei è sempre sembrata una principessa; sempre elegante, impeccabile anche negli outfit più casual, e mai a disagio con se stessa e con gli altri. Il guardaroba dunque si è semplicemente adeguato all’ambiente decisamente più formale del Principato di Monaco, e banalmente al fatto che la ragazza di Filadelfia adesso stava diventando una donna (e, nel giro di qualche anno, anche madre di tre figli). Le gonne ampie e sbarazzine sono dunque diventate pencil skirt abbinate a bluse o giacche in pendant; i cappotti hanno fatto spazio anche a sontuose pellicce; tutto senza mai dimenticare gli iconici turbanti e occhiali “cat-eye”.
Il make-up di Grace Kelly è invece rimasto sempre un po’ low profile. Si sa, una principessa deve essere impeccabile ma mai eccessiva, dunque il trucco-non-trucco è sempre stato il suo alleato. Toni del rosa e del pesca, perfetti per illuminare una tipica bellezza bionda, e qualche concessione al rossetto rosso, ma solo perché Grace rispettava la regola secondo cui se si truccano molto le labbra, gli occhi vanno truccati in modo leggero e viceversa; ma gli occhi di Grace Kelly non avevano bisogno certo di essere sottolineati da un trucco forte! Infatti, sui suoi splendidi occhi blu, soltanto un ombretto leggero e una riga di eyeliner. Più spesso, una riga di matita marrone, in nuance con il mascara.

Il segreto di Grace Kelly era dunque mantenere equilibrio tra tutti gli elementi del suo stile, per lasciare spazio alla sua incredibile bellezza di emergere.
La Bellezza autentica della principessa era illuminata anche dal suo grande cuore, che si dedicava a iniziative benefiche senza sosta, portate avanti poi dai figli dopo la sua morte, avvenuta nel 1982 a causa di un incidente stradale.
Nonostante siano molte le attrici indicate come sue eredi e che addirittura hanno indossato i suoi panni in film che ne ricostruiscono la vita turbolenta, nessuna potrà mai usurpare davvero il trono della principessa di ghiaccio dal cuore d’oro, che continuerà a essere un’icona di stile, eleganza, garbo molto probabilmente per sempre.


ARTICOLI CORRELATI

FACEBOOK