Do/don’t: come si usa davvero la piastra

Scegliere il modello giusto, e soprattutto usarla nel modo giusto: tutti i segreti per capelli perfetti

Di strumenti per stirare i capelli se ne vedono fin dagli inizi del Novecento, ma per fortuna la tecnologia si è evoluta anche in quel settore e siamo passati da piccole macchine di tortura a veri e propri gioielli, per tutte le esigenze e tutte le tasche (una piastra professionale può essere davvero costosa).
Quello che fa la differenza, però, è sapere come usare correttamente la piastra per ottenere un risultato perfetto e non rovinare i capelli: vediamo come fare!

DO
Portate pazienza: la tentazione di dividere i capelli in poche grosse ciocche da stirare è forte, ma sappiate che questo non farà altro che farvi sprecare tempo inutilmente, perché il risultato sarà pessimo. Suddividete la chioma in ciocche sufficientemente piccole affinché il calore possa distribuirsi in modo efficace, senza bisogno di ulteriori passate. Ci vorrà più tempo solo apparentemente: impieghereste molto tempo anche a dover ripassare le stesse ciocche più volte, con in più il risultato di stressare il capello.

DON’T
Per nessuna ragione, davvero in nessun caso passate la piastra sui capelli ancora bagnati. Assicuratevi di averli asciugati perfettamente, prima di sottoporli a quello che di fatto è pur sempre uno stress. No, la piastra non esercita lo stesso tipo di calore del phon (che pure non andrebbe usato sui capelli troppo bagnati e da una distanza troppo ravvicinata). Un calore elevato e intenso come quello della piastra, sui capelli ancora umidi li danneggerebbe in modo anche molto grave: da evitare assolutamente!

DO
Per proteggere davvero i capelli, però, è utile usare anche dei prodotti specificamente ideati a questo scopo. Spesso sono gli stessi brand che producono piastre a mettere in vendita i relativi spray per proteggere i capelli dal calore. Usarli prima di procedere alla piega ci garantisce non solo un miglior risultato, ma anche una maggior tutela della salute dei nostri capelli, e dunque della loro bellezza.

DON’T
Anche se usate tutte le attenzioni del caso, sarebbe sempre bene evitare di utilizzare la piastra troppo spesso. Se i vostri capelli non sono un caso disperato, evitate di piastrarli ogni giorno; o se iniziano a perdere forma, provate rimedi alternativi come un veloce passaggio con spazzola e phon, oppure – perché no? – una virata verso i capelli mossi a metà settimana!

DO
Ogni chioma ha una sua “personalità”, perciò non c’è un tipo di piastra che possa andar bene per tutte. Chi ha molti capelli ha bisogno di superfici di calore maggiori, mentre chi ne ha di meno ha bisogno di strumenti più piccoli per maneggiare meglio le ciocche. Insomma, è bene consultare le amiche per un consiglio su un acquisto così importante per la cura dei capelli, ma è altrettanto importante valutare anche la propria personale situazione.

DON’T
Sembra una banalità, ma molti danni causati dalla piastra partono proprio da disattenzioni legate alla temperatura. Non utilizzate mai lo strumento al massimo del suo calore. Se lo impostate al massimo, è perché lo utilizzerete dopo un po’, quando si sarà abbassata la temperatura; quel “MAX”, insomma, non è fatto per essere applicato direttamente sui capelli!
Imparate a trovare la temperatura giusta che renda lisci i capelli senza produrre rumori preoccupanti di capelli in via di bruciacchiamento. Anche in questo caso, siate pazienti: meglio procedere letteralmente per gradi, fino a trovare la temperatura giusta, che prendersi irrimediabili scottature causate dalla fretta!

Con queste piccole attenzioni, state pur certe che i vostri capelli saranno splendenti, sani, e messi in riga!


ARTICOLI CORRELATI

FACEBOOK