Bikini à porter

Moda, gusto personale, ma anche strategia: come scegliere il bikini perfetto?

Non tutti i costumi da bagno sono uguali, e per scegliere quello perfetto può volerci un po’. Ma l’estate è già qui: come fare se siete alle strette e non sapete come uscire dal labirinto di forme, colori, frange e pompom del magico mondo del bikini? Con questa piccola guida sono certa che non vi perderete!
Anche i costumi da bagno seguono dei trend ben precisi, ma io preferisco sempre scegliere qualcosa che oltre che la moda segua il mio gusto e la mia personalità, e soprattutto che riesca a valorizzarmi e farmi sentire a mio agio, che è davvero la cosa più importante.
Ci si può sentire a proprio agio indipendentemente dai dettami delle passerelle o dal fatto che un capo ci doni o meno, ma se il nostro scopo è valorizzare i nostri punti forti in modo più o meno oggettivo, la scelta del costume da bagno può essere compiuta seguendo delle vere e proprie regole.

Corporatura “a pera”
A questa gustosa definizione corrisponde una corporatura con fianchi e cosce in primo piano, come la splendida Beyoncé. Possiamo cercare, dunque, qualcosa che bilanci le proporzioni, riducendo otticamente la dimensione della parte inferiore del corpo rispetto al busto. Evitiamo le fantasie troppo elaborate nella parte inferiore e optiamo per il colour block; la scelta perfetta può essere un costume intero, con slip fasciante in stile anni Cinquanta, magari con le linee rivisitate in chiave più moderna, con l’aggiunta di spacchi sul davanti e intrecci di bretelle sulla profonda scollatura posteriore.
Il trucco ottico in caso di bikini, invece, è scegliere degli slip a vita bassa, in modo da allungare la figura.

Scollatura importante
Decisamente non un vero e proprio “punto debole”, ma sicuramente una caratteristica che merita attenzione. La parola chiave è “supporto”! Ma non sono solo i reggiseni con ferretto e coppe a dare sostegno a un seno voluminoso: un bikini (o un intero!) con reggiseno a triangolo può riuscire a valorizzare e mantenere “in ordine” la scollatura. Attenzione però: se il seno è molto grande, è meglio optare per soluzioni più classiche, così da non affaticare la nuca, dove si annodano i laccetti o la fascia del triangolo.

Scollatura discreta
Anche in questo caso, parliamo di un potenziale punto di forza. Poco impegnativo nella vita, ma impegnativo da valorizzare in spiaggia, il seno piccolo sta bene però con molti tipi di costume da bagno, a cominciare dal bikini per eccellenza: il triangolo. Non avremo certamente il problema del peso, questa volta, e in più la forma a triangolo valorizza le curve (anche quando sono discrete!). Se avete voglia di dare l’illusione di un po’ di volume in più, via libera a ruches e altre aggiunte svolazzanti che creano movimento e volume. Se invece preferite star comode e non vi interessa altro, i bikini con reggiseno sportivo sono perfetti. Bandite invece coppe sagomate e balconcini: mettono in evidenza la mancanza di seno, anziché valorizzarlo come un pregio!

Corporatura atletica
Sottile, con poche curve, una figura snella ed elegante che può diventare ancora più bella con il costume giusto. Sbizzarritevi con le stampe, righe orizzontali incluse, non avendo punti in particolare da nascondere o evidenziare. Scegliete pure un costume intero olimpionico, sembrerete delle splendide campionesse che hanno appena finito di allenarsi. Piccolo trucchetto: con un reggiseno che risale verso le spalle (come il triangolo), viene messo in evidenza il punto vita, che sembra più accentuato. Slip sgambati o con laccetti, invece, faranno in modo che le gambe sembrino (ancora) più lunghe!

Un fil di pancia
Nemmeno la pancetta è un difetto, se non lo percepiamo come tale. Ma anche se così fosse, possiamo trovare il costume giusto per nasconderla e non dovercene preoccupare. Anche in questo caso, le ruches possono essere nostre alleate: sembrerà strano, ma così come aggiungono volume hanno anche il potere di mascherare quei punti del corpo dove invece di volume ce n’è già un po’…
L’altro grande alleato contro la pancetta da spiaggia è lo slip retró: il taglio a vita alta fa sì che copra e in qualche caso aiuti anche a contenere la pancia. Se scegliamo invece un costume intero, possiamo optare per un modello che abbia un effetto leggermente plissettato: la stoffa così non sarà aderente e non evidenzierà la pancia. Anzi, la camufferà parecchio.

Forme morbide
Seno abbondante, gambe, fondoschiena e fianchi generosi: valorizzare una donna florida è una bellissima sfida! Dal momento che il corpo è pieno di punti forti, il focus in questo caso è coprire ciò che non ci piace e dare il giusto “supporto” alle forme. I costumi senza stampe possono servire proprio a questo: non sottolineano nessun punto in particolare e rendono la figura automaticamente armonica. Per il resto, basta mischiare i trucchi che abbiamo visto a proposito dei singoli punti del corpo dalle forme generose.

Con questa piccola guida risolverete finalmente un po’ di dubbi su quale costume mettere in valigia; ma non dimenticate la cosa più importante: sentirvi a proprio agio, indipendentemente da illusioni ottiche, tagli, colori, svolazzi, e mode!

Stella


ARTICOLI CORRELATI

Chiedilo a Stella

Hai bisogno di un
consiglio personalizzato?

Vorresti maggiori informazioni
su un prodotto?

Scrivi ora

FACEBOOK